a

Left Sidebar

                      Fabrizio Simonelli, all’ Italiana Running dal 2019, è corridore ed allenatore di atletica leggera.            Ha iniziato l’attività agonistica fin da piccolissimo, all’età di 4 anni accompagnato dal padre anch’egli corridore, ha corso la sua prima gara agonistica e da allora non si è più fermato.            Negli anni successivi, abbandonata l’attività di assoluto, ha iniziato a gareggiare tra gli amatori prima e tra i master poi, raccogliendo non poche soddisfazioni personali.            Ha conquistato vittorie e piazzamenti di rilievo nelle

              Giuliano Di Carlo è un veterano della corsa, un’istituzione del podismo laziale, sono pochi infatti i runners che ancora non lo conoscono. Frequenta da oltre 65 anni le strade delle più svariate competizioni della nostra regione, ma non si è accontentato, tante sono le sue partecipazioni a livello nazionale ed internazionale. E’ stato tra i fondatori del gruppo Atletica Casilina (poi Cassa Rurale di Roma e successivamente Banca di Credito Cooperativo) per poi trasferirsi alla Running Evolution e successivamente

. Eravamo tantissimi stamattina all’interno e fuori lo Stadio Nando Martellini alle Terme di Caracalla in attesa di partecipare alla 25a edizione dell’Appiarun: 6500 i runners iscritti alla manifestazione dichiarati dagli organizzatori, non competitive comprese: alla fine saranno 3769 gli arrivati della competitiva e 1508 quelli della non competitiva di 13 km, a cui va aggiunto un altro considerevole numero di coloro che hanno preso parte alla non competitiva di 5km. Percorso invariato rispetto alle ultime edizioni con le caratteristiche 5 diverse

A ridosso della Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo e della Giornata Mondiale dello Sport per lo Sviluppo e la Pace rispettivamente del 2 e del 6 aprile scorsi, il Podismo Laziale ha voluto onorare quanto recita l’articolo 30 della Convenzione sui Diritti delle Persone con Disabilità (Diritto alla pratica dello sport per le persone con disabilità su base di uguaglianza con gli altri) partecipando alla 12a edizione della Run for Autism, corsa su strada di 10,050 km inserita nel calendario

. La Maratona, la Regina delle gare podistiche … una gara temuta da molti e da alcuni sottovalutata. Sua Maestà va rispettata assolutamente e chi purtroppo non lo fa, inesorabilmente ne paga le conseguenze: affrontarla senza la necessaria preparazione, iniziarla ad una velocità superiore alla velocità media mantenuta nei famosi lunghi, sottovalutare le proprie condizioni fisiche … sono condizioni che in una gara di 42195 metri non consentono di terminare la prestazione secondo i propri desiderata o addirittura non riuscire a completarla

. Stamattina a Ciampino volava di tutto, al nostro arrivo in viale Kennedy sembrava di stare in un altro posto, in una di quelle scene tipiche dei film western con sibili del vento e ambientazioni malinconiche: transenne abbattute, bande biancorosse che sfidavano la resistenza al vento con il loro caratteristico rumore di circostanza, i pochi striscioni rimasti che sventolavano a dismisura, alcuni gazebo semi abbattuti, amici di altre società che si affrettavano a trovare un’ubicazione più riparata possibile. A fronte di tutto